I.I.S. CARRARA • NOTTOLINI • BUSDRAGHI
Lucca

Sabrina Bagnato

Cara Sabrina, se cerco di mettere a fuoco la tua immagine, io vedo solo un sorriso.

Non occorreva che tu fossi allegra per coglierlo sul tuo viso: contrariata, indispettita o alterata, gli occhi non seguivano la voce che si alzava, ma ridevano aspettando che passasse la bufera.

Tosta fino al midollo, se ti disperavi non demordevi, se eri stanca camminavi, se litigavi ti dispiacevi e presto dimenticavi. Dire “no” ti era impossibile e quel Cristo che amavi aveva buon gioco a predicare “chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto”, tanto c’era Sabrina.

Per te io ero davvero importante, così come lo era la tua famiglia, quella vicina e quella lontana, di cui parlavi con malcelata, ma mai esibita, nostalgia.

Ti dividevi con entusiasmo fra lezioni, progetti, aule e laboratori, sempre pronta ad intercettare quanto di nuovo mi potesse rendere migliore.

So che non ti vedrò più, ma la speranza e l’ottimismo del tuo sorriso continueranno a correre lungo le mie scale.

La tua Scuola

 

 

 

 


Pubblicata il 12 aprile 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.