Comunicazione integrata d'impresa: proficuo l'incontro tra Sofidel S.p.A. e gli studenti del "Carrara"

En plein all’Istituto Tecnico Economico “F. Carrara” dove, alla presenza di tutte le classi quinte, Sofidel S.p.A. ha recentemente sperimentato un inedito rapporto di collaborazione fra scuola e mondo del lavoro sull’innovativo terreno della comunicazione integrata d’impresa, ambito nel quale Sofidel si dimostra all’avanguardia.

Pur non essendo quotata e con una compagine societaria familiare, grazie alla sua “vision” ed agli obiettivi enucleati per realizzarla, Sofidel ha, infatti, spontaneamente anticipato con la propria azione le norme europee che, a partire dall’esercizio 2018, impongono a tutte le società che emettono titoli il rispetto delle regole sulla “disclosure of non-financial and diversity information”, ovvero sulle informazioni relative alla sostenibilità ambientale e sociale. Il primo Bilancio Integrato Sofidel che, precorrendo i tempi, si è fatto interprete di questa nuova sensibilità, risale, per l’appunto, al 2011. Come ha spiegato agli studenti la Communication & CSR Director Susanna Bellandi, l’azienda da anni ha individuato nella sostenibilità il principale fattore strategico di uno sviluppo in cui, sinergicamente, possano armonizzarsi sia l’aumento, nel medio-lungo termine, della competitività, sia il contributo al miglioramento della qualità della vita di tutti gli interlocutori Sofidel nel mondo e delle loro comunità, sia, infine, l’assunzione di un ruolo sempre più significativo sotto il profilo ambientale, sociale ed economico. Emblematiche, da questo punto di vista, la sottoscrizione, da parte di Sofidel, del “Manifesto S.O.S.” del W.W.F. che si ispira alle teorie di Kate Raworth, per la quale la sfida ineluttabile per l’uomo contemporaneo consiste nel conciliare i bisogni di tutti con le risorse limitate del pianeta, e la scelta operata dall’azienda della certificazione FSC (Forest Stewardship Council) che identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in modo corretto e responsabile.

La relazione di Susanna Bellandi è stata preceduta dall’intervento del Vice Corporate Finance Director Fabio Giannini, che ha introdotto l’argomento oggetto del seminario presentando alla platea il Report Integrato 2017. Gli studenti si sono, in tal modo, direttamente confrontati con l’andamento economico, gestionale e finanziario dell’azienda, le performance auspicate e quelle effettive, gli investimenti, il calcolo e la distribuzione del valore aggiunto globale. Grazie all’incontro, organizzato con Sofidel dalla prof.ssa Santina Di Lallo, essi hanno, altresì, avuto la possibilità di riflettere su un aspetto importante per la loro formazione, ossia il rapporto che intercorre fra maggiori costi iniziali, marginalità crescente futura e rispetto di beni comuni di cui anche le aziende si avvalgono per conseguire i propri obiettivi.

Marina Giannarini

                                                   (già pubblicato da "La Gazzetta di Lucca", "Lucca in Diretta" , "La Nazione" e "Il Tirreno")

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Pubblicata il 06 giugno 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.