Banca d'Italia e ITE "Carrara": un dialogo fruttuoso sulle criptovalute

Platea attenta e partecipe per il dottor Mauro Piermarini che, a seguito degli accordi intervenuti fra Banca d’Italia e Istituto Tecnico Economico “F. Carrara”, la settimana scorsa ha piacevolmente intrattenuto gli alunni delle classi quinte sul tema “Moneta e strumenti di pagamento”.

Il relatore, dopo un’introduzione sul contesto relazionale e conoscitivo in cui oggi si muovono i “nativi” digitali, ha proposto al giovane pubblico un’ interessante disamina dell’attuale accezione di moneta, delle funzioni che essa svolge (mezzo di scambio, riserva di valore e unità di conto), di chi ne controlla la quantità e del sistema che ne garantisce il valore. Piermarini si è poi soffermato in particolar modo sulle caratteristiche della moneta “bancaria” e degli strumenti elettronici di pagamento, la cui diffusione crescente si deve alla praticità d’uso, alla tracciabilità, alla sicurezza che essi comportano ed alla loro attitudine a contrastare il riciclaggio. Articolata ed efficace l’analisi delle peculiarità e dei profili di sicurezza delle carte di credito, debito e prepagate. Hanno, altresì, trovato ampio spazio di trattazione e confronto i bonifici, gli addebiti SEPA e l’assegno bancario.

Ma sono i pagamenti in internet ad aver monopolizzato l’interesse degli studenti, non solo perché l’e-commerce è per loro, ormai al quinto anno, materia quotidiana di studio, ma anche per l’attualità dell’argomento. Si tratta dei mobile payments, pagamenti che avvengono tramite canali molteplici: smartphone, tablet, dispositivi abilitati alla tecnologia NFC o con accesso ad un wallet (un portafoglio digitale in cui sono inseriti i propri strumenti di pagamento), smartwatch ed eyewear.

Altrettanto interessanti le fasi conclusive dell’incontro, tutte imperniate su vari aspetti della moneta virtuale, più comunemente nota come criptovaluta o bitcoin: la filosofia che la ispira, la sua infrastruttura, i vantaggi (indipendenza, basso costo, semplicità e trans-nazionalità) e gli svantaggi (assenza di tutele legali e contrattuali, di forme di controllo e vigilanza, di garanzia dei “depositi”, rischi di perdita per guasti, attacchi e smarrimento, elevata volatilità, chiusura della piattaforma per attività illecite, incertezze sul trattamento fiscale) che essa comporta.

Gli studenti hanno sinceramente apprezzato la chiarezza espositiva e la capacità di dialogo del relatore che, a sua volta, si è compiaciuto per il comportamento e la partecipazione qualificata di cui i ragazzi hanno dato prova.

Marina Giannarini

                                  (già pubblicato da "Lucca in Diretta", "La Gazzetta di Lucca" e "Il Tirreno")

 

 


Pubblicata il 25 aprile 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.