Limes Club Pisa incontra gli studenti del "Carrara" sul terreno dell'attualità geopolitica

Si è da poco concluso il ciclo di lezioni sull’attualità geopolitica internazionale organizzato dalla Limes Club Pisa presso l’ITE “F. Carrara” di Lucca, dove giovani laureati e docenti dell’ateneo pisano si sono confrontati con numerosi alunni dell’Istituto sugli aspetti più significativi delle moderne migrazioni.

Articolato in tre seminari di due ore ciascuno, con proiezioni di immagini, video e discussioni guidate, il progetto ha trovato una sua prima fase di realizzazione nell’inquadramento generale della problematica relativa al flusso migratorio, per poi dispiegarsi in un secondo incontro dedicato al tema Migrazioni e Stati: quale sovranità? Divagazioni di un internazionalista. Introdotto dal prof. Marcello di Filippo, docente di Scienze politiche, e contestualizzato con ampi riferimenti ai trattati di Schengen, Maastricht, Amsterdam, Lisbona e Dublino, l’argomento ha indotto l’uditorio a riflettere sui limiti di una comunità mondiale che non è ancora riuscita a darsi un assetto giuridico condiviso all’altezza di una sfida che può essere razionalmente affrontata solo con la cooperazione e senza il quale la tutela dei diritti fondamentali e i principi stessi dello Stato di diritto appaiono sempre più a rischio. Non pochi sono, infatti, i problemi da risolvere causati dall’assenza di un approccio multilaterale: “il ritorno a visioni egoistiche dei singoli Stati, la reticenza ad applicare regole comuni, un’impostazione delle relazioni bilaterali con paesi di transito e origine che privilegiano la sicurezza delle frontiere ad una governance olistica delle migrazioni, la logica del sospetto, l’inquietante area grigia nelle procedure presso i consolati e la scarsa trasparenza sempre più diffuse insieme alla legittimazione di forme striscianti di repressione penale dell’irregolarità”.

Diversamente strutturato, il terzo incontro ha visto protagonisti gli studenti, tutti della 4A e 4B dell’indirizzo Relazioni internazionali e della 5A dell’indirizzo Amministrazione, finanza e marketing. Chiamati a riferire sul percorso compiuto, hanno lavorato in gruppo e sono intervenuti con proposte e riflessioni derivate, oltre che dalla partecipazione al progetto, anche dall’attività svolta in classe, con le loro insegnanti di Diritto, le prof.sse Giorgia Ginotti e Paola Santarlasci, sul tema dello ius soli e dello ius culturae.Apprezzata la testimonianza della Comunità di Sant’Egidio sul traffico di esseri umani e sui corridoi umanitari.

Marina Giannarini

                                                     (già pubblicato da "La Gazzetta di Lucca" e "Lucca in Diretta")

 

 


Pubblicata il 07 febbraio 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.