Come già da qualche tempo, anche quest'anno le classi 5° A e 5° B sono andate a visitare l'Oasi LIPU di Massaciuccoli. Questa è una piccola oasi di circa 47 ettari che comprende il lago e la Riserva Naturale del Chiarone che, oltre ad ospitare moltissime specie di uccelli stanziali, rappresenta un luogo ideale per il transito e la sosta degli uccelli migratori.

Dopo aver assistito ad una chiara e sintetica spiegazione da parte dalla guida ambientale circa la configurazione dell'area di Riserva Naturale e delle sue problematiche naturalistiche passate e recenti, le classi si sonodirette a visitare l'Impianto di fitodepurazione di San Niccolò a Vecchiano. Ad aspettarli c'era Simona, l’addetta alle pubbliche relazioni del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, che ha spiegato e mostrato loro il funzionamento dell’impianto. Questo impianto, unico nel suo genere, grazie al particolare ecosistema e alla presenza delle piante palustri, provvede ad abbattere in maniera del tutto naturale le quantità di nutrienti presenti nelle acque dei canali, prima che queste vengano immesse nel lago. L’impianto è ancora in una fase sperimentale, ma ormai i risultati stanno dimostrando una notevole efficacia nell’abbattimento degli elementi inquinanti presenti nelle acque, tanto che si sta progettando un suo notevole ampliamento in modo che si riesca a depurare tutte le acque che alimentano il lago, così da migliorarne la qualità.

L’esperienza dei nostri ragazzi si è conclusa con la visita ad un'azienda biologica della zona, gestita da un giovane agricoltore, dove gli studenti hanno potuto osservare i risultati concreti prodotti nella zona. Il giovane ha illustrato ai ragazzi le tecniche di lavorazione, i problemi che ha incontrato nel suo lavoro, sia di natura agronomica che economica, e ha fatto vedere (ed assaggiare) loro una coltura, da tempo dismessa perché non remunerativa, che faceva parte della cultura dell'area di Massaciuccoli, e che lui coraggiosamente ha reintrodotto nella sua azienda: l'arachide.

L’esperienza è stata senza dubbio di grande valore formativo per i ragazzi, che senza andare molto lontano, hanno potuto osservare un interessante aspetto di gestione delle risorse ambientali attenta agli aspetti ecologici, economici e sociali del nostro territorio.

 

Lucca, 15/11/2017